LogoLogo

AbruzzoAmerica: Presentazione Italiana

AbruzzoAmerica Scritto da Dom Serafini and Generoso D'Agnese, il libro è in italiano.
Questo libro è dedicato a tutti gli abruzzesi nel mondo: da quelli che onorano l'Abruzzo con il loro talento dall'interno della regione, a quelli che la onorano dall'esterno, lasciando tracce nelle pagine di storia dei paesi che li hanno accolti lungo il percorso delle migrazioni.

Ma, soprattutto, è dedicato agli abruzzesi che, in una limpida giornata di fine estate, vennero strappati alla vita da menti allucinate e dalla follia barbara e suicida: Victor Saraceni, Marisa Di Nardo, Vincenzo Trentini e altri abruzzesi d'America che si pensano dispersi nella polvere dell'inferno, l'11 settembre 2001.

ORDINA LA TUA COPIA

19.50 EUR inclusa spedizione Poste Italiane (almeno 10 giorni estero)
Indirizzo Spedizione (se diverso dall'acquirente)
Messaggio Regalo

Presentazione

Quando, fino a poco tempo fa, si pensava agli abruzzesi d'America, a quella gente partita, ricca solo di speranza, dal piccolo paese nascosto tra i monti o affacciato su un Adriatico povero, lontano anni luce dagli odierni fasti turistici, e diventata celebre nel "Paese delle grandi opportunità", si pensava a Rocky Marciano, fattosi largo a suon di pugni fino a diventare campione del mondo, a Dean Martin, attore, cantante e soprattutto spalla prediletta del leggendario Frank Sinatra, a Mario Lanza, una delle voci più belle della grande lirica. Gente di questo livello, insomma. Ma "di questo livello", di questi abruzzesi che l'America ha saputo apprezzare e rendere giustamente famosi, ce ne sono tanti: sconosciuti, purtroppo, ai loro corregionali.

Una pecca che Domenico Serafini da Giulianova, Dom per gli amici e per i lettori, ha saputo colmare come nessuno prima di lui. Dom, un signore grande e grosso dall'ampio sorriso, che ama indossare cappelli a tesa larga e che parla un italiano reso inconfondibile dal suo doppio accento, giuliese e newyorchese, ha reso giustizia ai tanti abruzzesi d'America che, nell'ultimo mezzo secolo, hanno dato e continuato a dare lustro alle loro due patrie: quella d'origine e quella d'adozione. Lui stesso, Dom, è uno di loro: partito da Giulianova carico di buone idee, ha trovato negli Stati Uniti il terreno fertile dove piantarle e farle crescere. Ormai personaggio di primo piano nel mondo della comunicazione, vive più sugli aerei che tra quattro mura: rimbalza senza posa di qua e di là dall'Atlantico, e tra un meeting e l'altro, tra un impegno di lavoro e l'altro, riesce non si sa come a strappare un po' di tempo per la sua famiglia e, impresa ancor più incredibile, a rispettare l'appuntamento settimanale con i lettori de "Il Messaggero-Abruzzo", sfornando storie su storie dei suoi corregionali giunti al successo negli States. La sua rubrica, "Abruzzo America", è popolarissima. Così, leggendo le storie raccolte in questo volume, abbiamo fatto la conoscenza di Antonio Rocco D'Alessandro, sarto di Ari arrivato ventenne Oltreoceano e dimostratosi talmente bravo da ottenere l'incarico di confezionare le uniformi dei Marine; di Mario Fratti, aquilano, signore di Broadway onorato da ben cinque Tony Awards, gli Oscar del teatro; di Antonio Carlucci, presidente della Società di mutuo soccorso di Orsogna che riunisce più orsognesi di quanti ce ne siano attualmente nel paese d'origine; di Fernando Masci, cuoco dell'Aquila che con il suo ristorante "Il Mulino" ha conquistato i diffidenti palati dei newyorchesi. Quanto Abruzzo, e quanta America c'è nelle storie di Dom. Certo, ci sono anche i corregionali celebri, da Lanza a Marciano, dallo scrittore-muratore di Vasto, Pietro Di Donato, ad un altro insigne vastese come il politologo Joseph La Palombara. Ma sono gli altri, gli abruzzesi in gamba e pure meno conosciuti, che Serafini ha saputo imporre all'attenzione, la parte più interessante di questo volume che raccoglie le storie di "Abruzzo America". Chi le ha già lette avrà piacere a rileggerle, chi non le ha mai lette resterà, c'è da scommetterlo, piacevolmente sorpreso.

Claudio Valente
Caposervizio Settore Cultura de Il Messaggero Abruzzo

Top